Prenota ora
  • Modifica/Cancella
    prenotazione
Prenota
MENU
ita
Vantaggi
  • Miglior tariffa online garantita
  • Biancheria da letto e da bagno inclusa
  • Kit cortesia
  • Wi-Fi

Nasce la Via Francigena del Sud

È stato finalmente approvato ufficialmente il nuovo percorso della Via Francigena del Sud, scrivendo così una pagina storica per l’intero Mezzogiorno. L’Associazione Europea delle Vie Francigene (AEVF) si è riunita a Bari in assemblea, approvando all’unanimità il nuovo itinerario. Si sono riuniti tutti i rappresentati dei quattro Paesi attraversati da questa via: Inghilterra, Francia, Svizzera, Italia, tra loro anche Robert Thomas, il sindaco di Canterbury, città da cui parte il percorso della via Francigena.

Ma cos'è la Via Francigena?
La Via Francigena è il nome dato alla via del pellegrinaggio da Canterbury a Roma, lunga 1900 km. Nel medioevo fu un importante percorso di pellegrinaggio per coloro che desideravano visitare la Santa Sede e le tombe degli apostoli San Pietro e San Paolo. La parte italiana di questo percorso inizia nel villaggio di Bourg St Pierre al confine svizzero-italiano. Da qui si percorre il passo dell’alta montagna di San Bernardo fino alle montagne dell’Appennino fino allo splendido paesaggio toscano mentre si fa la passeggiata fino a Roma. Poiché il primo giorno di camminata si svolge sulle Alpi, questa parte del percorso può essere percorsa in sicurezza solo da giugno poiché è probabile che rimanga innevata fino ad allora. Questo ovviamente significa che si arriva in Toscana e nelle parti più calde d’Italia in piena estate, quindi luglio o agosto sono forse il momento migliore per iniziare la passeggiata. L’intero percorso da Bourg St Pierre a Roma dura all’incirca 50 giorni / 49 notti.

Storia della Via Francigena
Nel 990 d.C., l’arcivescovo di Canterbury di nome Sigeric il Serio aveva un motivo più pratico per raggiungere a piedi Roma. Essendo salito nel suo prestigioso ufficio, aveva bisogno di visitare il Vaticano per essere ordinato e raccogliere i suoi abiti ufficiali. All’epoca del viaggio, c’erano molti percorsi diversi per Roma. Ma Sigeric, che era partito da Canterbury, scrisse la sua via di ritorno attraverso l’Italia, la Svizzera, la Francia e nel Regno Unito, catalogando le città in cui alloggiava nel suo viaggio. Il percorso che ha preso ora costituisce la Via Francigena ufficiale. L’unica parte che non può essere completata a piedi è il Canale della Manica, che i pellegrini medievali hanno attraversato in barca (e moderni pellegrini sul traghetto Dover-a-Calais). Mentre il Rinascimento sbocciava in Europa, la Via Francigena iniziò a declinare in popolarità. Le rotte commerciali si moltiplicarono e si spostarono per attraversare Firenze, una delle città intellettuali, artistiche e mercantili più significative dell’epoca. La Via Francigena divenne, per la maggior parte, dimenticata, anche se le sezioni rimasero in uso come strade e sentieri locali. Le cose rimasero così fino al 1985. Quell’anno un antropologo, scrittore e avventuriero toscano di nome Giovanni Caselli stava cercando nuovi argomenti su cui scrivere libri di viaggio. Come escursionista entusiasta che aveva anche camminato lungo la vecchia via della seta attraverso la Cina, l’Uzbekistan e il Tagikistan, Caselli decise di percorrere la Via Francigena dopo aver appreso il percorso di Sigeric. Caselli ha camminato da Canterbury a Roma, attraversando la campagna britannica, il Canale della Manica (in traghetto), la regione francese dello Champagne, le Alpi svizzere e le dolci colline della Toscana. Dopo che Caselli pubblicò il suo libro sulla Via Francigena nel 1990, il percorso iniziò ad attirare l’attenzione. Nel 1994, la Via Francigena divenne uno dei percorsi culturali designati dal Consiglio d’Europa. Poi, nel 2006, le organizzazioni che sovrintendono alla Via Francigena hanno deciso sulla rotta ufficiale che i pellegrini percorrono oggi. Molti pellegrini lo vedono come un’alternativa o un seguito al Cammino di Santiago più noto e molto più frequentato.

Offerte speciali